Festa del torrone: il giorno del gran finale

Domenica 29 Novembre
Si chiude oggi la Festa del Torrone, dolce e profumata manifestazione che fa di Cremona la capitale di questo cibo. Chiudo anch’io con i miei suggerimenti, ma, se avrete la pazienza di seguirmi, non mancherò di segnalarvi eventi che meritino una visita alla mia città. Ricordate: il torrone, la mostarda, il salame e tante altre sfiziosità, che avete imparato a conoscere in questa occasione, qui le trovate tutto l’anno!
E poi c’è tanto altro ancora…

Ore 10.00 – 18.00, Corso Cavour: IL BORGO degli ARTISTI di BIENNO
Bienno, borgo medievale di antica tradizione artigiana in Valle Camonica sarà a Cremona: lungo tutta la giornata nel centro della città verrà riprodotto l’emozionante e coinvolgente paesaggio di uno tra i Borghi più belli d’Italia. Artisti vari si esibiranno in suggestive dimostrazioni. Si potranno anche vedere all’opera una riproduzione dell’antico maglio e del mulino del borgo.

maglio-bienno

Ore 10.00, Palco di Piazza del Comune: FUMETTO LIVE A TEMA TOGNAZZI “ COME SE FOSSE ANTANI”
Anche nell’ultima giornata della Festa del Torrone c’è un evento dedicato al grande Ugo Tognazzi, nel venticinquesimo anniversario dalla morte.
Vedrete al lavoro gli autori del Centro Fumetto “Andrea Pazienza” che disegneranno alcuni momenti fondamentali della carriera del grande Ugo, con le sue espressioni più famose e le frasi storiche. Cremona, orgogliosa di questo suo “figlio”, non vuole che sia dimenticata la sua arte e il suo mestiere. Tognazzi resta, e resterà, uno dei più grandi attori italiani e la sua città di origine ne ha fatto, a ragione, la sua quarta T!

logo centro fumettopazienza

Ore 11.00, Museo del Violino, Piazza Marconi 5: CONCERTO VIOLINO E PIANOFORTE
Nello splendido Museo del Violino e, precisamente, all’interno dell’auditorium Giovanni Arvedi, in tarda mattinata si terrà un concerto imperdibile, in uno spazio che toglie il fiato. Vedi….
Al prestigioso violino Antonio Stradivari 1714, Dan Zhu; al pianoforte Claudio Trovajoli
Il programma prevede: Sonata Op.18 di Richard Strauss
Sonata in La maggiore di Cesar Franck
“Carmen Fantasie” sull’opera di Bizet di Franz Waxman

mdv

Dalle 11.00, itinerante lungo le vie del centro: CORTEO “I CAMPANACCI di ARDESIO”
Le vie del centro di Cremona saranno rallegrate da un festoso corteo con personaggi del Comune bergamasco di Ardesio. Il Corteo ripropone l’intento di celebrare l’antica tradizione delle cerimonie di buon augurio che “spazzano” via gli spiriti maligni. In questa occasione, il corteo si batterà contro i timori per lo scontro tra i Visconti e i veneti e proclamerà il lieto evento del matrimonio tra Bianca Maria Visconti e Francesco Sforza, grazie al quale lo scontro avrà fine.
( Una ripassatina storica per capire meglio? Ma sì, dai! Quando Francesco Sforza passò al servizio della lega antiviscontea si batté per Venezia. Filippo Maria Visconti, duca di Milano, spaventato dal fatto che la lega potesse impossessarsi dei suoi territori, tentò di concludere con lo Sforza, in precedenza suo alleato, la pace, promettendogli la figlia Bianca Maria in sposa e aggiungendo i territori di Cremona e Pontremoli in dote. Lo Sforza accettò, costringendo la lega a deporre le armi. Così ,si narra che per il matrimonio sia stato creato, dal pasticciere di corte, il “Torrone”, un dolce che rievocava come forma e nome l’antica torre di Cremona, il Torrazzo.)

campanacci

Ore 12.00, Cattedrale di Cremona – Piazza del Comune: L’ORGANO SUONARINO
Nella suggestiva Cattedrale di Cremona ci saranno da mezzogiorno momenti musicali a cura dell’organista titolare Fausto Caporali che si esibirà in saggi dell’arte dell’improvvisazione alternati a famosi brani organistici. Avrete così modo di sentire i timbri dell’imponente organo Mascioni di 4118 canne e di ascoltare alcuni classici dell’organo, dalla Toccata e fuga in re minore di J. S. Bach, alla Toccata di Widor, al Carillon di Westminster di Vierne.

linterno_duomo

Dalle 15.00 alle 17.00, Piazza del Comune: CIAO TOGNAZZI E MAXI COSTRUZIONE di TORRONE
Quale poteva essere il protagonista della costruzione gigante di torrone del 2015? L’omaggio è di nuovo a Tognazzi, sicuramente uno dei personaggi che hanno reso famosa Cremona nel mondo.
Ci sarà, quindi, un momento di vera gioia in Piazza del Comune, dove, a chiudere la serie di ricordi dedicati al grande artista, anche l’abituale torrone “oversize” sarà dedicato a Tognazzi.
E’ nel 1998 che Sperlari, in occasione di questa festa, fece il “Torrone più lungo del mondo” e da quell’anno, ogni volta si è prodotta una maxicostruzione di torrone. Abbiamo visto realizzati,nel corso degli anni, vari simboli di Cremona, dal violino di sei metri, alla cattedrale… Non si poteva, quest’anno, scegliere altro che Tognazzi!

maxi-sculture-torrone

Ore 16.00, itinerante: BRIANZA PARADE BAND
Un gruppo di quasi 40 elementi con trombe, tamburi, flauti e altri strumenti animerà le vie di Cremona proponendo un repertorio particolare: brani tratti dal rock moderno, dalla tradizione melodica italiana e anche dal pop internazionale dei nostri giorni. Tutto si tramuta in marce coinvolgenti grazie agli strumenti della banda che completa l’esibizione con balli e coreografie spettacolari, coinvolgendo anche il pubblico. Da sottolineare che la Brianza Parade Band è campione in carica del Campionato italiano delle Marching Band.

band

Ore 17.00- 18.00, Piazza del Comune: SPETTACOLO FINALE
E così eccoci all’evento di chiusura di questa lunga e ricca edizione della Festa del Torrone. Uno spettacolo che vi lascerà a bocca aperta, composto da spettacolari ambientazioni ed effetti coreografici. Ispirato al tema religioso della creazione, per volontà di Dio, della luce che squarciò le tenebre, anche gli spettatori vivranno un momento intenso e carico di emozioni. Musicisti, cantanti, eleganti danzatori e coreografie del corpo di ballo daranno vita ad uno spettacolo, prodotto dalla Compagnia dei Folli, che regalerà a tutti, grandi e piccini, un ricordo indelebile e forte.

compagniafolli

Ricordatevi un grande applauso finale: sarà il vostro gradito ringraziamento a quanti si sono spesi per la manifestazione e la promessa di un arrivederci all’edizione 2016.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *