Elezioni a Milano. Parla Vincenzo Giannico: “Meno utopie e più sogni realizzati”

Ci siamo: mancano ormai pochi giorni alle elezioni amministrative che si terranno il prossimo 5 Giugno. Questa volta vi presenterò un altro giovane candidato, dopo Maria Beatrice Scibetta della lista di Alfio Marchini; così dalla capitale politica, passo a Milano, la cosiddetta capitale economica. L’intervista è rivolta a un candidato di Sala, Vincenzo Giannico. Abruzzese, si è trasferito nella metropoli lombarda in seguito al terremoto che colpì L’Aquila sette anni fa, e qui si è laureato brillantemente al Politecnico in Ingegneria nel ramo del real estate management, con una tesi alla Northumbria University di Newscastle, dove è stato rappresentante degli studenti Erasmus.
La passione per la politica, quindi, la coltiva fin dai tempi dell’università, durante i quali ha ricoperto diversi incarichi, tra cui quello di Senatore accademico, e ha fondato una rete nazionale di associazioni universitarie in favore degli studenti; è stato anche eletto al CNSU, il Consiglio Nazionale degli Studenti Universitari, dove si è impegnato per rendere più internazionali i nostri atenei.
Dopo alcune esperienze in valide realtà del real estate management, da alcuni mesi lavora in una boutique finanziaria milanese.




Da cosa nasce e a quando risale l’idea di impegnarti politicamente a Milano?

Dopo l’esperienza della politica universitaria, mi sono interessato alle iniziative del Laboratorio Libdem, che rappresentano perfettamente le mie idee di un Paese dinamico, con meno ostacoli burocratici e aperto a chi ha voglia di fare. Le stesse idee che vuole applicare a Milano Beppe Sala, che mi ha chiamato per partecipare alla costruzione della sua lista civica. Ho accettato con entusiasmo, data la stima che ho di Sala fin dal suo ottimo lavoro con Expo.

Quando e come hai conosciuto Beppe Sala?

Ho sentito parlare di Sala la prima volta, come quasi tutti, per il suo ruolo in Expo. L’ho poi conosciuto personalmente durante un evento organizzato dal Laboratorio Libdem, in cui noi “alieni” lo abbiamo intervistato per conoscere i suoi progetti per Milano, quando ancora era candidato alle primarie del centrosinistra. Da lì lo abbiamo “adottato”, perché rappresenta in toto la nostra visione per la metropoli che verrà, perché è il candidato delle libertà, economiche e sociali. Paradossalmente, è più liberale lui con il suo programma di tanti altri con il cappello di “liberale” dovuto, però, soltanto alle etichette o al posizionamento.
Ma se ti chiedessi chi più rispecchia una Milano in cui la gente può avere più libertà e meno burocrazia, e chi più rispecchia la Milano dei divieti e degli spauracchi propagandistici, tu chi mi risponderesti?

12509582_10208614905758344_6065923340572934603_n

Cosa ti ha spinto a schierarti con lui?

Direi innanzitutto la sua figura: Beppe è preparato e carismatico. Ma quello che veramente conquista di Sala è la sua visione per Milano, in continuità e, nello stesso tempo con ampi margini di miglioramento, con quanto di ottimo già fatto da Pisapia. Negli ultimi anni Milano è diventata “the place to be“, la capitale di un ritrovato slancio economico, dell’innovazione, delle startup. Una città internazionale che ha bisogno di open space e di giovani studenti, più che di ruspe e recinzioni. Bisogna essere sinceri: anche Parisi è una persona perbene e la campagna elettorale è stata condotta, da entrambi, da gentiluomini. Però se si apre il sipario dietro Parisi, si scopre la destra becera ossessionata dai campi rom e dagli immigrati di Salvini, La Russa e Santanché. Dietro le quinte di questo schieramento, c’è chi pensa che sotto la Madonnina ci debba essere una grande caserma, mentre noi sogniamo di consolidare una capitale europea, con business, integrazione e rispetto di chi lavora duro.

milano. repubblica.it
milano. repubblica.it

Quali i punti di forza del suo progetto politico?

Senza alcun dubbio il pragmatismo, unito all’umiltà. Beppe Sala è un uomo del fare, però è anche una persona che ascolta. Lo dimostra la stesura del programma, che non è stato deciso durante qualche cena ad Arcore o in via Bellerio, ma raccogliendo 10.000 questionari compilati dai cittadini da ogni angolo della città. La nostra è un’attenzione alla Milano che non finisce con la Cerchia dei Bastioni e che ha portato al progetto “Ogni giorno un quartiere“, che ha visto Sala parlare con i cittadini e toccare con mano i problemi di ogni zona della metropoli.
Il nostro programma parla di diritti, riqualificazioni, cultura, lavoro, innovazione, startup, inclusione. E’ un programma “scientifico” perché razionale, ma anche “umanista“, perché rimette cittadini e lavoratori al centro del processo di decisione politica, con un occhio di riguardo per il sociale. Non è casuale il fatto che Sala sia stato scelto dagli elettori con primarie aperte e trasparenti e non paracadutato da una riunione a porte chiuse.

Foto Piero Cruciatti / LaPresse
Foto Piero Cruciatti / LaPresse

Ci puoi dire una qualità importante di Sala-uomo che può avere positive ricadute nell’amministrazione di Milano.

Direi quasi senza pensarci l’organizzazione. E’ la cifra del Sala-uomo, durante tutta la sua carriera professionale da manager e culminata con il successo di Expo che, prima del suo arrivo, sarà bene ricordarlo, navigava in acque burrascose. Una qualità che peraltro è tipicamente “milanese”.

giannibarbacetto.it
giannibarbacetto.it




Sei un milanese di recente adozione e, quindi, hai una visione forse più distaccata della città rispetto a chi è nato qui o ci vive da tanti anni. Quali sono a tuo avviso, e alla luce delle tue esperienze all’estero, le priorità da affrontare a Milano?

Risiedo a Milano da alcuni anni e sento ormai questa città come “mia”. Qui ho scelto di costruire il mio futuro e di realizzare i miei sogni, dopo essermi spostato, in seguito al terremoto dall’Aquila dove studiavo. Rispetto all’Abruzzo, ma anche a Newcastle, Milano ha un grande potenziale che sta sfruttando, ma che deve ancora utilizzare appieno. I servizi, comparati a quelli di quasi ogni città in Italia, funzionano in modo eccellente, in particolare i trasporti, grazie all’ottimo lavoro di Maran. La vera priorità, secondo me, è aiutare i giovani a realizzarsi negli studi e nel lavoro con un’ottica più internazionale e, obiettivo complicato e impegnativo, riuscire a fare di Milano una città ancora migliore senza lasciare indietro nessuno.

comune.milano.it
comune.milano.it

Ritieni corretto che la chiusura del bilancio di Expo sia stata rinviata e che, molto probabilmente, sarà presentata soltanto dopo le elezioni?

La gestione del bilancio di una manifestazione come Expo è cosa ben complessa, che non dipende soltanto da Sala, come anche lo slittamento della sua chiusura. In ballo ci sono attori ben più importanti, come la Regione, il Collegio dei Liquidatori, il Governo e la Corte dei Conti. Parte del patrimonio societario è già nota dal 9 febbraio, quando la società è stata messa in liquidazione, in concomitanza con la data delle primarie. Chi vota Sala lo fa sulla base delle sue idee e del suo progetto per Milano, non per il bilancio di Expo.

vogue.it
vogue.it

Come stai affrontando e come sta procedendo la tua campagna elettorale? E’ la tua prima volta?

La campagna elettorale procede alla grande. Anche se non è paragonabile, mi riporta indietro all’entusiasmo delle campagne fatte in università. Ovviamente quella per le Comunali richiede più impegno e fatica, ma mi permette anche di conoscere meglio tante persone che incontro per strada e di capire i problemi e i bisogni della mia città. E’ ancora più bello se consideriamo che al mio fianco ci sono tanti giovani brillanti, ragazze e ragazzi candidati nelle zone, studenti o giovani lavoratori, con cui abbiamo creato una squadra piena di ardore e voglia di partecipazione.

13119065_10209670484661546_1632529623421393522_n

Quale il tuo obiettivo concreto e realistico?

Il mio slogan è “il domani oggi“, che significa anticipare la visione del futuro di Milano che vogliamo, portare il futuro nel presente. Per dirla in maniera più concreta, il mio obiettivo è di creare opportunità per i giovani: per chi studia, per chi lavora, per chi vuole creare una nuova azienda o aprire un’attività. E ciò è possibile con l’internazionalizzazione delle Università, per cui mi sono battuto in passato, con una cultura dei diritti, con il finanziamento alle startup meritevoli, con l’aiuto a chi vuole lavorare o fare volontariato per migliorare la città. Avrei potuto risponderti “tappare le buche” o “diminuire il traffico”, difficoltà che tutti toccano con mano ogni giorno, ma oltre a questi problemi quotidiani, ricordiamoci che ci sono migliaia di giovani pronti a volare alto, ma che hanno le ali ancora tarpate da costi e burocrazia, mentre su di loro nessuno sembra voler scommettere.
Le utopie sono la scusa di chi non lavora abbastanza per realizzare i propri sogni, io vorrei che con la mia elezione ci fossero meno utopie e più sogni realizzati.




14 pensieri su “Elezioni a Milano. Parla Vincenzo Giannico: “Meno utopie e più sogni realizzati”

  1. My wife and i were so thankful when Edward could carry out his preliminary research from your precious recommendations he came across out of the weblog. It’s not at all simplistic just to be releasing guidelines that most people might have been making money from. And we also keep in mind we have got the writer to give thanks to because of that. The most important explanations you have made, the straightforward web site navigation, the friendships you can aid to instill – it is everything unbelievable, and it’s really aiding our son in addition to us reckon that that theme is awesome, and that is unbelievably important. Many thanks for all!

  2. I enjoy you because of all your valuable hard work on this site. My aunt really likes getting into internet research and it’s really easy to understand why. Most of us notice all of the powerful manner you present very important ideas on your web blog and even increase participation from website visitors on the concept while our own child is in fact becoming educated a lot. Enjoy the remaining portion of the year. You are always doing a great job.

  3. There are actually a lot of particulars like that to take into consideration. That may be a great level to deliver up. I provide the ideas above as general inspiration but clearly there are questions like the one you deliver up where the most important thing will probably be working in trustworthy good faith. I don?t know if best practices have emerged around things like that, however I am certain that your job is clearly recognized as a good game. Both girls and boys really feel the impact of only a moment抯 pleasure, for the rest of their lives.

  4. I’m just writing to make you understand what a fine encounter my cousin’s child undergone using your web site. She even learned a good number of pieces, most notably what it is like to have a great coaching heart to get many people with ease grasp some grueling matters. You really surpassed people’s desires. I appreciate you for providing those insightful, healthy, informative not to mention cool guidance on this topic to Lizeth.

  5. I enjoy you because of each of your labor on this blog. Betty really likes getting into research and it’s really obvious why. Most people notice all regarding the compelling manner you deliver rewarding items by means of your website and in addition increase contribution from other ones on that area of interest and our girl has been studying a whole lot. Enjoy the remaining portion of the new year. You are doing a glorious job.

  6. I have to express my appreciation to this writer just for bailing me out of this type of trouble. Because of browsing throughout the world-wide-web and meeting things which were not productive, I figured my life was gone. Existing without the solutions to the issues you’ve fixed all through the blog post is a critical case, and the ones that might have badly affected my career if I had not discovered your blog post. Your main ability and kindness in touching all the stuff was tremendous. I am not sure what I would have done if I hadn’t come upon such a thing like this. It’s possible to at this point look forward to my future. Thanks so much for your reliable and results-oriented guide. I won’t think twice to endorse your web site to anyone who will need guidance about this topic.

  7. My spouse and i were quite more than happy when Peter could carry out his investigation from your ideas he was given out of your blog. It’s not at all simplistic just to always be releasing thoughts that many a number of people have been selling. We really know we need the website owner to appreciate for that. The main explanations you’ve made, the easy blog navigation, the relationships you will aid to foster – it is all superb, and it’s facilitating our son and our family reason why this matter is enjoyable, and that is especially indispensable. Thank you for all!

  8. My wife and i were very happy that Peter could complete his researching out of the ideas he was given from your own web page. It is now and again perplexing just to possibly be giving for free key points that many the others may have been selling. Therefore we consider we have got the writer to give thanks to because of that. The explanations you have made, the straightforward site navigation, the relationships your site give support to instill – it’s got most excellent, and it’s really making our son and us imagine that this article is interesting, which is exceedingly essential. Thank you for all the pieces!

  9. I precisely wished to appreciate you all over again. I’m not certain the things I would have done in the absence of the actual concepts revealed by you concerning such area of interest. Entirely was a very terrifying matter in my view, but encountering the specialized tactic you treated the issue made me to jump with gladness. I’m happier for your support and even believe you find out what an amazing job you are carrying out training other individuals through your site. I am sure you’ve never got to know all of us.

  10. I simply needed to thank you very much once again. I do not know what I would have taken care of in the absence of the actual opinions discussed by you concerning that situation. It seemed to be a real daunting case in my position, however , being able to see the very skilled avenue you dealt with the issue took me to weep with contentment. Extremely grateful for your service and as well , sincerely hope you comprehend what a powerful job you were providing instructing some other people thru your blog post. More than likely you have never encountered any of us.

  11. I must express my affection for your kind-heartedness in support of individuals that have the need for guidance on your subject. Your very own commitment to passing the message up and down has been particularly insightful and has truly helped most people much like me to reach their aims. The interesting report signifies a lot a person like me and even more to my peers. Regards; from each one of us.

  12. I and also my friends were actually checking out the nice recommendations found on your website and all of the sudden I had a terrible suspicion I never expressed respect to the website owner for those strategies. These boys ended up certainly thrilled to see all of them and have actually been loving these things. Many thanks for simply being quite considerate as well as for obtaining this sort of awesome issues millions of individuals are really desperate to learn about. Our own honest apologies for not expressing gratitude to you sooner.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *