Scenari internazionali: l’analisi di Guido Olimpio

Si è chiuso il 2016, un anno segnato da fatti rilevanti a livello geopolitico internazionale. Per analizzarne qualcuno, ma soprattutto per capire cosa ci aspetta in questo nuovo anno, ho pensato di intervistare Guido Olimpio, giornalista de Il Corriere della Sera che segue l’evoluzione del terrorismo internazionale, con un occhio particolare all’uso dei media e della rete da parte loro. Olimpio è dal 2007 inviato a Washington mentre in passato è stato corrispondente da Israele (1999-2003) ed è stato vice responsabile degli Esteri e del servizio grandi cronache.

Il 2016 è stato caratterizzato da molti eventi internazionali, alcuni davvero clamorosi e inaspettati. Quale, secondo lei, anche alla luce delle ripercussioni che avrà sul nuovo anno, il più importante? Quello più sorprendente?
Certamente l’elezione di Donald Trump. Non è stata del tutto una sorpresa, ma per i suoi effetti lo è comunque, perché può ridisegnare gli equilibri e le crisi internazionali, a cominciare dai rapporti con la Russia e il duello con la Cina. Ovviamente, va fatta la tara a quanto detto prima dell’insediamento, quando farà il suo ingresso alla Casa Bianca la sua visione potrebbe mutare. L’agenda non dipende solo dal presidente, bensì da quello che accade nell’arena globale. Le posizioni del neo-eletto possono inoltre innescare contrasti non da poco nel campo repubblicano, poco morbido verso Mosca.

reuters.com
reuters.com

Chi merita il riconoscimento di “uomo dell’anno”? Per quali motivi?
Vladimir Putin ha marcato con le su iniziative il 2016, a partire dalla Siria. Un intervento reso possibile dalle caratteristiche del potere russo: di fatto non ha opposizione, il consenso – reale e fittizio – favorisce l’interventismo. E’ anche vero che rispetto agli Usa ha meno vincoli. Non si può poi dimenticare l’azione costante dei russi per indebolire la compattezza europea. L’appoggio costante ai partitianti sistema”, così come il sostegno a Trump, hanno scompaginato le carte. Azione politica unita ad attività più “coperte” per fiaccare i rivali e al tempo stesso far crescere il peso della Russia. Con finalità strategiche ed economiche.

cbc.ca/news
cbc.ca/news

E chi sceglierebbe come “donna dell’anno”? Perché?
Jo Cox ( deputata laburista, europeista convinta, si è battuta per la permanenza del Regno Unito nell’Unione Europea n.d.a.)Ha pagato con la vita (il 16 Giugno di quest’anno quando mancavano pochi giorni al referendum previsto per il 23 dello stesso mese n.d.a.) il suo impegno in favore dell’Europa. Anche se il suo killer è un individuo isolato, non c’è dubbio che esce da un’atmosfera violenta e di intolleranza ormai dilagante in tutta Europa. Non penso che sia un caso che l’esponente politica sia stata assassinata in una fase delicata della nostra storia.

quotidiano.net
quotidiano.net

Che bilancio si sente di fare degli otto anni di presidenza Obama?
Positivo, almeno sul piano interno. Su quello internazionale è un giudizio a metà. Giustamente ha cercato di evitare guai e nuove avventure, ha puntato a creare un nuovo rapporto con nemici storici: importanti gli accordi con Iran e Cuba. Ma ha peccato di indecisione e timori in Medio Oriente. Non ha voluto impelagarsi nella crisi siriana, dunque ha svolto un ruolo parziale, cercando di appoggiare – con cautela – una parte dei ribelli. Non ha funzionato, perché comunque si è trovato stretto tra partner locali che cercavano di imporre le proprie agende rispetto a quelle regionali. Da non trascurare l’azione anti Isis. Vero è che il movimento rimane una minaccia, ma rispetto a due anni fa ha perso uomini e territorio.

nbcnews.com
nbcnews.com

Negli ultimi giorni il Presidente americano ha affermato che, se avesse potuto candidarsi per un terzo mandato, avrebbe vinto ancora: cosa pensa di questa affermazione? Non suona come una critica implicita alla Clinton?
E’ un’affermazione inutile. Non cambia nulla. Però è vero che può essere una critica alla Clinton. Dopo le presidenziali, Obama non ha nascosto il suo dissenso su come Hillary abbia condotto la campagna. Ha rimproverato all’ex segretario di Stato di aver trascurato settori sociali consistenti.

motherjones.com
motherjones.com

Trump ha vinto più per meriti suoi o per demeriti di Hillary?
Trump ha vinto perché più convincente, ha catturato consensi in quelle fasce che si sono sentite trascurate dal potere politico, ha cavalcato incertezza e paura usando in modo efficace alcune immagini, facili da comprendere, come quella del nuovo muro. Inoltre, ha lanciato slogan che hanno colpito l’immaginazione del cittadino che ha la percezione – ripeto la percezione – di un’America debole, insidiata da altri. A tutto questo, si è aggiunta l’antipatia verso la Clinton, simbolo dell’establishment. Anche se poi alla fine il voto popolare è stato conquistato da Hillary, quasi 3 milioni in più rispetto al rivale. Non è cosa da poco.

Cosa dobbiamo attenderci dal nuovo presidente? Cosa dobbiamo temere di più?

L’imprevedibilità. La scarsa esperienza. Una visione rozza e sommaria del mondo. Lo strano rapporto con la Russia: non si è mai visto un presidente americano così sbilanciato. Viene da chiedersi se ci sia solo simpatia verso il Cremlino o invece, come sospetta qualcuno, esistano fattori diversi che legano il miliardario alla Russia. Altro punto da seguire sono i rapporti con gli alleati atlantici. Potrebbero essere messi a dura a prova. Però, come dicevo prima, un conto sono i discorsi elettorali, un’altra cosa la realtà presidenziale. Obama ha raccontato che la prima volta che gli hanno fatto un briefing dell’intelligence avrebbe voluto lanciarsi alla finestra.

forbes.com
forbes.com

Pensa che si riuscirà ad arrivare una soluzione del conflitto fra Israele e Palestinese?

Sono pessimista, posizioni sempre lontane. E se Trump dovesse spostare l’ambasciata Usa da Tel Aviv a Gerusalemme, potrebbero sorgere nuovi guai.

cultura.biografieonline.it
cultura.biografieonline.it

Che prospettive intravede, invece, per la Siria e la Libia?
In Siria è interessante l’accordo di tregua sponsorizzato da Russia, Turchia e Iran. Può essere l’inizio di una fase, ma deve essere riempito di contenuti. Bloccare le armi è importante, serve poi un processo politico che si concluda alla fine con l’uscita di Assad. Magari non subito, ma è necessaria una svolta profonda e concordata.
La Libia è destinata a rimanere tale: tante milizie, lotta di potere, intrusioni esterne. Occidentali, russi, Turchia, Qatar, Emirati, Egitto, tutti attori che provano a influenzare gli sviluppi. Per l’Italia rimane un pericoloso fronte: a causa del flusso dei profughi e per i rischi legati alla sicurezza dei siti petroliferi.

E’ convinto che il rischio di attentati terroristici sarà col tempo eliminato o, come dicono alcuni, siamo destinati a conviverci?
Il terrorismo durerà a lungo, magari con forme diverse. Purtroppo dovremo convivere con questa minaccia. E’ in continua evoluzione, si adatta alle contromisure. Una eventuale sconfitta militare dello Stato Islamico ne ridurrà le capacità, ma non eliminerà l’ideologia jihadista in molti giovani che vivono in Occidente. Troppo spesso si dimentica, o si vuole ignorare, che lo Stato Islamico è una fazione che raccoglie istanze di una parte del mondo sunnita; poi le manipola e le usa per i suoi fini, ma il problema esiste. Inoltre, è un movimento che è poi parte di uno scontro regionale che oppone sciiti e sunniti. Dunque non sarebbe strano se fosse rimpiazzato in futuro da un’altra formazione.

Cambiando decisamente argomento, com’è mutata la professione del giornalista da quando lei ha iniziato, gli anni Ottanta, fino ad oggi?
Un flusso di news altissimo, una moltiplicazioni di fonti, la necessità di rispondere in modo più rapido. Si aveva più tempo per “ragionare”, analizzare. Oggi si corre il rischio di compiere errori di valutazione. Si è anche allargato il territorio da coprire e non solo in senso geografico. Dallo Sport alle pagine di esteri si seguono temi e aspetti molto diversi. Nelle redazioni c’è anche meno possibilità di “fare scuola”. C’era un percorso professionale, a volte ingiusto e tortuoso, che tuttavia sembrava avere una meta. Firmare un articolo non era così facile, i responsabili dei desk lo facevano rifare, erano molto esigenti, anche con un “pastone” di agenzia. Adesso c’è meno pazienza, gli organici sono ridotti rispetto alle esigenze, mentre la domanda di informazione sale.

Qual è il periodo della sua carriera che le ha dato le maggiori soddisfazioni?
Tre fasi. La prima quando lavoravo al desk, compito poco gratificante, ma che mi ha insegnato tanto. La seconda durante il mio lavoro di corrispondente in Israele: ho potuto coprire ogni aspetto, dalla cronaca più dura – ad esempio gli attacchi suicidi – alla politica, avendo accesso a fonti e potendo costruirne di altre. Infine il periodo qui negli Usa, mi ha aperto ancora di più l’orizzonte con suggestioni e temi. Direi tutte palestre formidabili.

KF3-A003
KF3-A003

Che consigli si sente di dare ad un giovane che aspira a diventare giornalista della carta stampata?
Essere pronto a fare di tutto, ma iniziare sin da subito a sviluppare una propria “specializzazione”, con ricerca, studio, passione. Molto va fatto non perché è lavoro, bensì perché ti interessa a prescindere se scriverai qualcosa o meno. Cercare di essere rigorosi, di non dare nulla per scontato. E costruirsi un archivio, aiuta a seguire il proprio “filone”, ti aiuta nel momento che ti chiedono – magari a sorpresa – un articolo.

Ringrazio Guido Olimpio per la grande disponibilità dimostrata e gli auguro buon lavoro.
A voi tutti auguro, semplicemente, che il 2017 sia veramente un BUON ANNO.

13 pensieri su “Scenari internazionali: l’analisi di Guido Olimpio

  1. Thank you for all your efforts on this site. My daughter really likes going through research and it is obvious why. Many of us notice all of the compelling mode you give good guidelines by means of the web site and in addition attract contribution from the others about this point then our favorite girl is now discovering a whole lot. Enjoy the remaining portion of the year. You’re the one doing a tremendous job.

  2. Thanks a lot for giving everyone such a terrific opportunity to check tips from this site. It is usually very good and also packed with amusement for me and my office colleagues to search your website minimum three times every week to see the latest tips you will have. Not to mention, I’m so at all times motivated with all the very good suggestions served by you. Some 1 tips in this article are clearly the simplest I’ve had.

  3. A lot of thanks for each of your efforts on this site. My niece loves working on internet research and it is easy to see why. Almost all know all of the compelling method you render useful information on your web blog and even attract participation from other individuals on that concept while our simple princess is actually understanding a lot. Take advantage of the remaining portion of the year. You are always performing a dazzling job.

  4. My wife and i got quite joyous Louis managed to deal with his web research through the ideas he grabbed through your web pages. It’s not at all simplistic to just happen to be giving away tips and hints that many people might have been making money from. And we remember we have got you to appreciate for this. Most of the illustrations you have made, the simple site navigation, the relationships you help to instill – it’s got many great, and it’s letting our son in addition to the family feel that that theme is satisfying, and that is especially essential. Thank you for the whole lot!

  5. I wanted to write a quick word so as to appreciate you for some of the great suggestions you are sharing at this site. My prolonged internet research has at the end of the day been honored with reputable facts and strategies to talk about with my colleagues. I would say that many of us website visitors are rather lucky to be in a fine place with so many perfect individuals with helpful techniques. I feel rather fortunate to have encountered your web page and look forward to many more excellent moments reading here. Thanks again for everything.

  6. I want to show my passion for your generosity in support of persons who have the need for help with in this subject. Your real commitment to getting the message up and down had been quite interesting and has without exception permitted folks much like me to realize their goals. Your personal valuable guideline denotes this much a person like me and much more to my office colleagues. Thanks a lot; from each one of us.

  7. I precisely wished to thank you very much again. I’m not certain the things that I would’ve implemented without those strategies documented by you directly on such field. Previously it was a intimidating problem for me personally, however , considering your expert way you managed that took me to cry over joy. I will be thankful for your guidance as well as sincerely hope you are aware of a great job you’re accomplishing teaching most people through the use of your website. I am sure you’ve never got to know all of us.

  8. I simply wished to say thanks again. I’m not certain the things that I could possibly have gone through in the absence of the actual methods revealed by you regarding such area. Previously it was a very depressing difficulty for me personally, however , viewing this well-written fashion you solved that forced me to jump over happiness. I am just happier for this assistance and as well , expect you comprehend what a powerful job that you’re undertaking teaching most people thru your web blog. I know that you have never encountered any of us.

  9. I’m commenting to let you understand what a notable discovery our daughter experienced browsing your webblog. She realized many pieces, most notably how it is like to have a great giving mindset to have the others without hassle know specific problematic things. You actually did more than people’s expectations. Many thanks for showing the invaluable, healthy, informative and in addition easy tips on this topic to Julie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *