Federer e la carica dei 101 titoli! Roger sconfigge Isner e fa poker a Miami

Federer vince a Miami, secondo Master dell’anno, per la quarta volta e raggiunge quota 101 titoli! Dopo il successo di Dubai e lo stop in finale a Indian Wells, Roger riprende a trionfare, al termine di un torneo in crescendo. Dopo il primo match, vinto soffrendo e perdendo il primo set, lo svizzero ha alzato nettamente il livello di gioco, anche rispetto alla California. Ha superato, inoltre, avversari non semplici, come Anderson e i giovanissimi Medvedev e Shapovalov, tutti senza perdere alcun set. Con questa vittoria, Federer si porta a meno otto dai centonove titoli vinti da Connors e, dopo tre sconfitte in finale di fila( Indian Weells 2018 e 2019 e Cincinnati 2018), arriva a quota ventotto master in carriera, a meno quattro da Nadal, secondo dietro Djokovic a trentatrè. Aldilà dei numeri, è la qualità delle giocate (passanti, palle corte, recuperi incredibili, rovesci lungo linea, volèe) a meravigliare e deliziare, ricordando sempre che ha quasi trentotto anni ma ancora nessuna voglia di smettere. Tutto questo anche grazie al suo team e alla sua famiglia che lo supporta sempre, da lui prontamente ringraziati durante la premiazione.
Federer si prenderà una pausa di poco più di un mese, dato che rientrerà a Madrid, secondo Master sulla terra, con inizio il 5 Maggio.

Federer – Isner (6-1,6-4)

L’elvetico ha la meglio sullo statunitense per la sesta volta nel loro ottavo confronto.
Il primo set è senza storia con Roger che lascia un solo game, il terzo, a John. Lo svizzero, davvero impeccabile, ha perso un solo punto nei suoi turni di servizio mentre l’americano ha ottenuto soltanto il cinquanta per cento di punti con la prima e ha perso tre volte il servizio dopo che gli era successo solo per quattro volte in tutti i match precedenti.
Il secondo parziale si decide solo nel finale, proprio nell’ultimo game quando Isner, dolorante alla caviglia, offre due match point a Roger che trasforma il secondo.
Alla fine, per gli amanti delle statistiche, quattro vincenti in più per Federer ma soprattutto nove errori gratuiti in meno commessi dal giocatore di Basilea.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *